Spirito ribelle da Flamer (?)

E finì così. 89 Commenti 95 Commenti in una post nella bacheca di un mio conoscente.
Ma facciamo un passo indietro.

Facebook come tutti sappiamo è un Social Network popolato da tantissime persone (con diversi stili di vita, diversa sensibilità, diversa intelligenza ecc…) adulte, ma anche da minorenni.

Ogni persona che si iscrive a Facebook accetta TUTTI i termini di utilizzo, e in caso di infrazione, c’è la possibilità che i contenuti non appropriati vengano eliminati dallo staff.

Giovedì 9 Febbraio, prima di andarmi a lavare, mi sono imbattuto in un post di una persona dei miei contatti, che per correttezza non nominerò.
Tale persona ha condiviso un’immagine a dir poco splatter che ritraeva uno stupratore con i propri genitali in bocca (e quindi con i genitali tagliati), dicendo una frase del genere “E’ questa la fine che devono fare tutti gli stupratori, astenersi dal commentare moralisti del cazzo”.

Non son riuscito a resistere (nuovamente) e ho risposto (visto che se si scrive uno status su facebook si è consapevoli del fatto che potrebbe ricevere commenti contro il nostro consenso):

La sua fine sarà pur giusta, ma questa foto è assolutamente da censurare: fa ribrezzo e non è giusto che alcune persone si trovino questa orrida realtà di fronte in un ambiente ricreativo come facebook.

Tale foto suscita solo sensazioni negative: non vedo perché censurare foto a sfondo erotico che non possono far altro che suscitare emozioni per lo più positive e non censurare questa.

Non c’entra nulla la moralità, ma solo il buon gusto (o buon senso, che dir si voglia), cosa che molti evidentemente non hanno.

La mia affermazione sulla pubblicazione di contenuto erotico all’interno di FB è una pura provocazione: FB non è fatto per questo, ci sono già tantissimi siti che servono a questo.

Ad ogni modo, il mio conoscente ha violato un punto del contratto di Facebook.

(Dal Capitolo 3, paragrafo 7. della Bibbia di Facebook)
Non pubblicare contenuti: minatori, pornografici, con incitazioni all’odio, con immagini o grafica di nudo o con violenza gratuita.

Dopo la segnalazione della foto (che non era pubblicata sul profilo del mio conoscente, bensì soltanto condivisa), la foto ovviamente è stata rimossa.

Apriti inferno.

Cos’è successo? Lo trovate cliccando sul pulsante spoiler.

Spoiler:

Ecco che il mio conoscente scrive sulla sua bacheca un messaggio provocatorio:

“Segnalate segnalate, che tanto più di quello non sapete fare”

Ed ecco la reazione dei Facebookiani:

Com’era prevedibile, orde di persone affette da Spirito ribelle da Flamer (?) sono subentrate, iniziando a giudicarmi senza nemmeno conoscermi. Come ho già detto in qualche post fa, è davvero assurdo: le persone sono così superficiali che si permettono di giudicare le persone senza sapere cos’è successo e senza conoscerle.

E poi, l’invito ufficiale ad iscrivermi a MoralBook, il Facebook per moralisti. Ah certo, io sono sicuramente il primo moralista.

Da quando essere moralista vuol dire evitare di infrangere un regolamento assolutamente condivisibile?

Ma andiamo avanti.
Non sarà facile per voi lettori distinguere i vari mittenti: fate uno sforzo, ne vale la pena.

Un altro tipo arriva e mi dice… “Moral Fags Are Everywhere!”
Cazzo, ‘sti froci moralisti sono davvero ovunque!
Io non me ne sono accorto subito, quindi per ora, lets, andiamo avanti.

Capito? Basta conoscere un moralista per conoscerli tutti! Basta conoscere un metallaro per conoscerli tutti, basta conoscere un emo per conoscerli tutti, basta conoscere un immigrato per conoscerli tutti, basta conoscere un credente per conoscerli tutti, basta conoscere un tamarro per conoscerli tutti, basta conoscere un gay per conoscerli tutti, basta conoscere un uomo per conoscerli tutti, basta conoscere una donna per conoscerle tutte.

WHAT THE FUCK?!

Ma andiamo avanti.

A parte il fatto ke nn si kapisce n kavolo se skrivi kosi.
Non so se leggete quante assurdità. Non si possono mettere sullo stesso piano tette e culi con immagini splatter! Provocano sensazioni diverse! O_o
Ma andiamo avanti.

Cioè ma la concezione di Luogo dov’è finita? Su Facebook ci sono delle regole e vanno rispettate… nessuno ci ha obbligati ad iscriverci e al momento dell’iscrizione abbiamo tacitamente accettato. Punto. La foto è…. NATURALE! Cavolo, è assolutamente naturale vedere un uomo con i propri genitali in bocca!
Ma WTF, sono cose che solo noi umani possiamo fare: non è per niente naturale.

Qui mi riferivo al fatto che il tipo ha detto che esistono un sacco di tipe che fanno le schizzinose ma che poi sono le prime a fare porcate. Ma dico, che tipo di argomentazioni sono? Si sfiora il limite del ridicolo dai.

E qui mi chiede cosa farei se mi stuprassero la figlia. Io non ho mai preso una posizione definitiva sull’azione in se. Tuttavia, trovo appunto non appropriato postare una foto di un uomo sanguinante, senza genitali. E poi mi hanno invitato a Togliermi da Internet… Ho replicato così.

E poi subentra in mio aiuto Maurizio che risponde:

Eh sì, porno libero per tutti, ma niente uomini che si baciano, che schifo!
Questa è la coerenza di queste persone *aggettivo che non riesco a trovare*.

Ma andiamo avanti, perché la discussione continua.

Ho chiamato FakeName il tipo con cui ho avuto da dire di più, perché non ha nemmeno un profilo con il suo nome reale, e questo la dice lunga.
Poi ha ricommentato il tipo che mi ha scritto “Moral Fags Are Everywhere”, all’inizio, dicendo W Juve per sdrammatizzare.
Ma scusami eh, dare del finocchio a qualcuno è comunque da moralista. Perché puntare il dito solo su di me? Quale significato ha per loro essere Moralisti?
Ma poi mi accorgo di un particolare. Colui che mi ha dato del Fags, ha Mi piace su Lady Gaga, colei che si batte ogni giorno per i diritti degli omosessuali.
Questa si che è coerenza!

Avete capito? D’ora in poi su Facebook potete condividere tutto ciò che partorite sulla tavoletta del gabinetto.

E qui ribadisco il concetto: ci sono delle regole che hai accettato all’iscrizione e vanno rispettate.

Ma è inutile: parlare con questo tipo sgrammaticato (peggio di me quando scrivo veloce) è come parlare con il vuoto. Poi subentra la ragazza di questo mio conoscente, che giustamente dice la sua in maniera decente:

Poi il tipo senza nome mi ricorda che l’immagine sta ancora circolando, e che lo sforzo di un druido nightelft e human priest  paladino come me non serve a nulla. Mi ricorda che i 16enni hanno più rapporti sessuali di me…
A quel punto, mi domando, forse è nascosto dietro di me per affermare ciò?

E’ finita? Da parte mia sì, ma un ultima cosa…

Eh sì.
Questo è lo scempio che internet ci offre.
Orde di persone che si schierano per un giusto sbagliato, che si battono contro la censura ma che poi non riescono capire che ci sono modi e modi di inviare messaggi alla gente, e che mandano ancora messaggi razzisti.

Quando mi si propongono questi squallidi quadretti, capisco ancora una volta che il mondo  senza tutta questa gente sarebbe un posto migliore.

(Il titolo originale sarebbe Spirito Ribelle da Flam (?) : riferimenti al passato)